Orario lavorativo di un head hunter

[Articolo aggiornato il 3 Giugno 2021]

Qual’è l’orario lavorativo di un head hunter o selezionatore di risorse umane. Di seguito ecco dei consigli pratici per tutti

Il più grande problema nel rapporto tra un selezionatore, head hunter o responsabile delle risorse umane ed un candidato, è il fatto che entrambi osservano lo stesso orario lavorativo. È evidente che ogni step, dal primo contatto fino alla conclusione della selezione, deve essere concordato e gestito appropriatamente dal selezionatore.

Come approcciarsi al primo contatto?

Molti consulenti ci chiedono quale sia il momento più opportuno per contattare un candidato e con quale metodo. È importante che il primo contatto avvenga in maniera discreta e senza fornire troppe informazioni sulla posizione aperta. Questo per non mettere in difficoltà il potenziale candidato se qualcuno avesse accesso, anche per pura coincidenza a quel canale di comunicazione.

Come primo contatto è sempre opportuno inviare una mail, concisa ma precisa con l’indicazione di chi siete e perché contattate il candidato. Di seguito un formato di email che Stupendio propone e che potreste usare ad esempio:

“Oggetto: [Nome della Società] – Richiesta di contatto

Gentile/Egregio Dr. Mario Rossi,

La contatto a nome della Società [Nome della società], [Breve descrizione della società]. Come [consulente/ responsabile risorse umane] mi piacerebbe coinvolgerla in una specifica ricerca per una realtà aziendale nostra cliente, attiva nel settore [settore industriale].

Qualora fosse interessata/o a valutare il mercato la prego di farmi cortesemente sapere.

Cordiali Saluti

[Firma]”

Come approcciarsi al primo colloquio ed a che ora organizzarlo?

Il primo approccio col potenziale candidato è andato a buon fine e adesso è necessario organizzare un primo colloquio telefonico. Molti selezionatori preferiscono fare i primi colloqui via Skype o altri strumenti di video-conferenza. Il nostro consiglio invece è effettuare una prima scrematura telefonicamente, in quanto un candidato potrebbe non avere né il modo né l’interesse per andare oltre. Inoltre, da nostra esperienza, spesso si verificano problemi di scarsa qualità della connessione o audio non appropriato, che rendono il primo colloquio decisamente poco positivo per entrambe le parti.

Consigliamo pertanto sempre un contatto telefonico.

Come sopra menzionato il più grande problema nel rapporto tra un selezionatore, head hunter o responsabile delle risorse umane, ed un candidato è il fatto che entrambi osservano lo stesso orario lavorativo. Pertanto è opportuno mettere a proprio agio il candidato, ed organizzare la telefonata in orario serale (generalmente dopo le 19.00). Potrebbe essere il momento ideale, così che abbia la possibilità di mettersi in un luogo tranquillo, dove poter colloquiare e sostenere uno scambio di vedute sincero.

Come approcciarsi al secondo colloquio ed a che ora organizzarlo?

Il secondo colloquio deve essere svolto obbligatoriamente di persona o video-call. Non è possibile in alcun modo evitare questo passaggio, sia per vedere quanto il candidato è interessato alla posizione, sia per farsi conoscere e mostrare la propria serietà.

In questo caso, sarà cura del candidato trovare un orario disponibile per un incontro, generalmente nelle ore pre-serali (dalle 17.00 in poi), oppure in orari mattutini (fino alle 9.00).

Consigliamo anche di lavorare almeno un sabato al mese, stabilendo una turnazione per poter garantire al candidato una sufficiente flessibilità per organizzare un incontro.

Vuoi avere altre informazioni su quali Fringe Benefit offrire ai candidati? Vieni a scoprirlo sulla sezione dedicata su Stupendio, o sul nostro articolo dedicato “I 10 Fringe Benefit”.

Condividilo!

Facebook447
Instagram159